Categorie
Tutorial

Guardare i film su Chromecast trasmettendoli da PC

Vuoi trasmettere facilmente e velocemente un film dal tuo pc verso il dispositivo Chromecast? Esiste un modo semplice e veloce per farlo, e bisogna esclusivamente installare, qualora non lo abbiate già fatto precedentemente, VLC dalla versione 3.0 in poi.

Per poter azionare questa funzionalità è necessario che il dispositivo Chromecast sia pronto e che voi abbiate aperto il film su VLC. Prima che parta la riproduzione del film dovrete cliccare in alto nella barra su Riproduzione -> Renderer -> Chromecast.

Tutto qui, adesso potrete vedere qualsiasi contenuto multimediale dal vostro pc verso il vostro chromecast.

Categorie
Tutorial Wordpress

Plugin di WordPress per impostare le immagini per Open Graph di Facebook

Quando condividete su facebook, twitter e google plus, a seconda di ciò che è presente nel codice html, vengono estratti dei dati, che successivamente sono compattati e utilizzati per la finestra di condivisione. Pensate a titolo, descrizione, immagine. Soprattutto per l’ultima tipologia di dato, a volte la condivisione su facebook senza una cura accurata potrebbe comportare l’utilizzo di immagine non propriamente uguale a quella a cui voi pensavate.

Se ad esempio avete inserito un logo per tutto il sito, e magari negli articoli vorreste pubblicare l’immagine featured, ovvero quella allegata, potrebbe esservi capitato il problema di condividere un post con l’immagine del logo, e non sapere come evitare questo problema.

Un plugin che può venirci in aiuto per una gestione completa di questi dati, definiti anche come Open graph, è Facebook Open Graph, Google+ and Twitter Card Tags. Il seguente Plugin, gratuito, vi darà una mano nella personalizzazione di queste informazioni di modo che ogni volta quando voi condividete, troverete sempre le immagini corrette che desiderate.

Queste personalizzazioni sono disponibili anche per altri social network come twitter e google plus, quindi potrà sempre tornarvi utile. Nel caso di facebook vi ricordo che è necessario utilizzare lo strumento di debugging di Facebook per vedere come un link viene condiviso sul social network.

Categorie
Tutorial Wordpress

Open Graph Protocol per la condivisione su Facebook

Se avete un sito web e volete inglobare la possibilità di poter condividere dei contenuti dal vostro sito verso Facebook e altri social, sicuramente dovreste sapere cosa siano gli open graph e come vengono utilizzati e analizzati da Facebook. Per quanto pubblicare su twitter sia molto semplice in quanto nell ‘url viene inserito link e testo, per Facebook la situazione è ben diversa, e se vogliate in qualche modo avere pieno controllo sui contenuti da condividere, dovreste personalizzarli come meglio credete.

Gli Open graph corrispondono a dei meta dati che vengono prelevati pagina per pagina per trovare i giusti contenuti da condividere, indipendentemente da ciò che realmente è presente nella pagina. Per farvi un esempio, negli open graph potete inserire un testo, una immagine, un particolare contenuto personalizzato senza che esso sia effettivamente presente all’interno della pagina.

Quindi ciò che dovrete fare sarà inserire questi open graph meta dati all’interno dell’intestazione head delle pagine. Ecco qui l’elenco degli open graph da utilizzare:

<title>Titolo della pagina</title>
<meta property="og:title" content="Titolo" />
<meta property="og:type" content="video.movie" />
<meta property="og:url" content="http://www.imdb.com/title/tt0117500/" />
<meta property="og:image" content="http://ia.media-imdb.com/images/rock.jpg" />
<meta property="og:audio" content="http://example.com/bond/theme.mp3" />
<meta property="og:description" 
 content="Descrizione della pagina" />
<meta property="og:determiner" content="the" />
<meta property="og:locale" content="en_GB" />
<meta property="og:locale:alternate" content="fr_FR" />
<meta property="og:locale:alternate" content="es_ES" />
<meta property="og:site_name" content="IMDb" />
<meta property="og:video" content="http://example.com/bond/trailer.swf" />

Questi meta sono disponibili nella pagina: http://ogp.me/ dove troverete maggiori dettagli in merito.

Categorie
Guide per i Creativi Mobile App Tutorial

Pubblicare una applicazione nel Play Store

Per gli amanti delle applicazioni, specialmente coloro che sono developer, in questo articolo sarà discusso il metodo corretto e ufficiale per la pubblicazione di Applicazioni per Android sul Play store, affinchè evitiate di seguire guide non vere e che potrebbero compromettere il ban della vostra app nello store.

Nonostante alcuni siti vi consiglino di utilizzare metodi alternativi per pubblicare la vostra app gratuitamente all’interno di questo store, sappiate che per la pubblicazione delle applicazioni è necessario il pagamento di una tassa da sviluppatore annuale, pari a 25 dollari, non molto considerando che potete pubblicare app gratuite o commerciali e aggiornarle tutte le volte che volete.

Per pubblicare una applicazione all’interno dello store dovrete andare nel Google Play Developer Console e procedere con la registrazione, il primo passo consiste nell’inserimento delle vostre informazioni personali e il pagamento con carta di credito.

Dopo aver eseguito la registrazione verrete portati all’interno del pannello di controllo dove dovrete inserire innanzitutto le informazioni da inserire nello store, quindi screenshot, descrizione breve e lunga, categoria, assegnazione della classificazione dei contenuti.

Per caricare il vostro APK che avrete buildato da Android Studio ad esempio (con apposita firma digitale per confermare la veridicità dell’app) dovrete andare all’interno della sezione Versioni dell’app e inserirne una come App di Produzione. Dopo di che dovrete esaminarla e questo passo sarà fatto.

Non appena invierete l’app dovrete attendere 1 o 2 giorni (nel mio caso sono bastate poche ore) affinchè la vostra app venga controllata e inserita nei sistemi.

Categorie
Tutorial

Reindirizzare verso una pagina dopo aver completato una form

Se state lavorando ad un progetto, attraverso la creazione di un Plugin per WordPress, e quindi state utilizzando PHP come codice back-end per la creazione di form e oggetti, sicuramente potrebbe esservi utile il reindirizzamento verso una pagina esterna o verso la stessa secondo le vostre necessità.

Qualora voi non ne foste a conoscenza, quando effettuate una chiamata POST o GET in PHP, potrebbe risultarvi il caricamento di informazioni più volte rispetto al normale. Il redirect serve pure a ripulire gli argomenti inseriti all’interno di questa chiamata così da evitare che gli utenti possano rieffettuare la stessa chiamata aggiornando la pagina.

Il codice da inserire dopo aver effettuato la submit del form è

wp_redirect(‘url_dove_reindirizzare_gli_utenti’);

Questo metodo è super efficace ed è interamente compatibile con i plugin – temi WordPress.

 

Categorie
Tutorial

Come rendere un Contatore Visite Invisibile

Chiunque abbia un sito web vorrebbe monitorare i visitatori con pagine e tempo medio di visita, per analizzare la crescita nel tempo del proprio lavoro. Magari però vorreste rendere il contatore inserito nascosto, così da poter vedere personalmente le vostre statistiche ed evitare che altri possano accedere. Qui vedremo un semplice tag HTML utile a questo scopo.

Ciò che vi servirà sarà soltanto il codice snippet del contatore. Dopo averlo inserito seguite questa piccola guida per renderlo completamente invisibile ai visitatori. Dovete agire tramite codice, ma non è affatto complicato:

<div style="display: none;"><--Snippet del Contatore--></div>

A questo punto salvate il tutto e caricatelo all’interno del vostro sito. Se tutto va bene, potrete accedere al contatore tramite link precedentemente salvato tra i preferiti, e il contatore farà il suo dovere, e nessuno si accorgerà che voi lo stiate utilizzando all’interno del sito. Ovviamente questa protezione avviene per i clienti che visualizzano il sito, ma se accedete tramite sorgente sviluppatore, vedrete il div che avete precedentemente inserito.

Categorie
Mac Tutorial

[Tutorial] Creare Trailer Cinematografici con il Mac

Guida all’uso di programmi per ambiente Mac per la creazione di un trailer di piccole dimensioni inserendo foto e video personalizzati, usando la piattaforma iMovie.

Sono tanti i programmi adatti alla creazione di piccole slide show con foto e video, ma se è vostra intenzione creare un piccolo trailer in stile cinematografico con tanto di musica annessa, il consiglio che posso darvi è quello di sfruttare la potenza di iMovie, ovviamente per tutti coloro che lo posseggono, e che quindi usano un Mac.

iMovie è un programma già disponibile per tutti coloro che hanno acquistato un dispositivo Apple, è presente anche su iPad e su iPhone, e il suo utilizzo, se ancora non l’avete fatto, è davvero molto semplice.

Per creare un trailer cinematografico, ciò che dovrete fare è semplicemente scegliere un Tema, non appena create un nuovo progetto. Dopo di che personalizzate il numero di foto e di video, tutto il resto verrà fatto dal programma, in modo impeccabile.

#becreative

Categorie
Tutorial Wordpress

Installare WordPress in Locale: Guida Semplice e Veloce

Guida passo passo alla creazione di un blog locale prima della pubblicazione in modo da testare la piattaforma, i plugin e servizi disponibili su internet.

Una delle prime regole di un nuovo webmaster, è quella di affiancarsi e di studiare attentamente la piattaforma che sta utilizzando. Non fa mai bene partire slanciati su un particolare linguaggio o piattaforma senza prima aver attentamente delineato ogni aspetto. Vedrete che è questo il metodo giusto per avviare una nuova idea, una nuova startup. E non parlo soltanto di WordPress, parlo di ogni vostra intenzione futura, bisogna partire studiando l’assetto per poi usarla nel metodo corretto.

A proposito di WordPress, è bene testare in locale la piattaforma e tutti i componenti aggiuntivi annessi. E potrebbe essere anche utile per gli sviluppatori, in quanto è sempre meglio testare le proprie creazioni in locale sul proprio pc, per poi inserire sul mercato il prodotto finale.

WordPress è una piattaforma che ha necessariamente bisogno di 2 componenti principali per poter funzionare: Uno spazio web, e un database MySql e Apache.

Questi potrebbero essere facilmente simulati nel nostro pc in locale, e adesso vedremo come farlo in pochissimo tempo. Il programma che ci aiuterà in questo meccanismo si chiama MAMP, ed è disponibile in versione free e a pagamento. Quella free va più che bene. Inoltre è compatibile sia con pc Windows che su Mac.

Ovviamente bisogna scaricare il pacchetto WordPress completo dal sito ufficiale: Link diretto (Zip).

Dopo aver installato MAMP dovrete posizionare la cartella estratta del pacchetto WordPress, all’interno di C:/Programmi/MAMP/htdocs/wordpress (Windows) oppure su Applicazioni/MAMP/htdocs/wordpress (MAC)

Dopo di che, avviate Mamp Free Version:

en_mamp-start

Fate Start Server, e i server che vi serviranno saranno automaticamente avviati, e potrete utilizzare WordPress.

Per continuare adesso, tramite la barra degli indirizzi, dovete andare su:

http://localhost:8888/wordpress/wp-admin/install.php (Fate Copia Incolla)

Dovrebbe quindi partire il vostro sito con questa schermata:

webstart

Il sito è in vostra gestione ed è correttamente installato sul vostro PC. Adesso accedete all’interno di wp-admin per configurare tutto il sito e testare tutto ciò che vi piace.

#becreative

Categorie
Tutorial Wordpress

Plugin Semplice per Ottimizzare WordPress: Autoptimize

Una valida alternativa a W3 Total Cache nella personalizzazione e nell’utilizzo.

Hai un sito web creato con WordPress, e noti che nel caricamento delle pagine ci sta troppo, e non sai cosa fare. Magari cercando su internet hai trovato qualche plugin che può darti una mano, ma proprio non riesci a configurarlo correttamente o magari sei così pigro da neanche provarci. Plugin come W3 Total Cache fanno bene il proprio lavoro, ma ciò che è complicato è settare tutti quei parametri che poi magari non ti mostreranno il risultato sperato. Per questo motivo nasce un Plugin, che attualmente io utilizzo e che mi ha aiutato molto, che si chiama Autoptimize. E’ un plugin di semplice gestione perfetto per il suo uso.

Tramite l’installazione classica su “Aggiungi nuovo Plugin” vi basterà cercare sulla ricerca questo nome, e subito vi comparirà il plugin da installare. Ciò che dovrete settare sarà soltanto l’ottimizzazione del codice HTML, CSS e JS. Tutto il resto sarà fatto da lui. E verrà fatto assolutamente bene.

autoptimize

In alto, nella barra admin, troverete una icona di Autoptimize che vi avviserà della quantità di cache che viene memorizzata e che quindi accelera la visualizzazione del vostro sito.

La Cache non è altro che una parte del sito che viene memorizzata già pronta per essere fornita ad i nuovi visitatori.

Categorie
Tutorial

Avviare Linux (Ubuntu) su Macchina Virtuale con Windows

Le macchine virtuali nascono per virtualizzare appunto un sistema operativo, come se realmente lo aveste installato nel vostro computer. Ciò può essere utile in moltissimi casi, come ad esempio testare la vostra applicazione su pc con Linux o per avviare un qualche software compatibile con un determinato sistema operativo. Ci sono vari metodi per installare ad esempio Linux sulla vostra macchina. Sicuramente il più usato e il più efficiente in termini di hardware, è creare una partizione di alcuni GB e installarci di sopra il sistema. Per avviarlo in questo caso bisognerà scegliere nel boot di avvio, fra Windows e Linux.

Se invece non siete molto ferrati con questo tipo di installazione e volete testare un metodo alternativo ma comunque efficiente, esistono vari tool fra i quali VirtualBox o VMWare che vi aiuteranno non poco nella riuscita di questo passo. Entrambi hanno una modalità di installazione medesima e consiste nell’inserire la vostra immagine .iso di Linux nel programma, e lui provvederà a completare la procedura. Potete personalizzare il tutto concedendo una certa parte della vostra Ram, CPU, Memoria, Pen drive e molto altro ancora.

Se volete testare subito Ubuntu, a parer mio una delle migliori distribuzioni di Linux, scaricate subito l’immagine che vi serve da qui, e poi passatela ai programmi per la virtualizzazione.

#becreative